ESTRATTO 03 DOPO PASTO – 500ml

26,00

Descrizione

BIG_03-dopo-pasto-500_big

 

 

ESTRATTO 03 DOPO PASTO – 500ml

Integratore alimentare senza alcool, senza zuccheri, senza conservanti, senza glutine.

Indicato per:

– Pancia gonfia

– Difficoltà digestiva

– Alitosi

– Senso di pesantezza

Caratteristiche del prodotto: Pesantezza post-prandiale, desiderio incoercibile (e non sempre possibile da soddisfare) di una “pennichella”: questi sono tutti sintomi di uno stomaco molto, molto impegnato. Per farci perdonare di aver mangiato troppo, oppure troppo in fretta, il minimo che possiamo fare è aiutarlo, nel modo più naturale

 

 

Disponibile in flacone da 500 ml.

 

Effetto fisiologico:

Ginepro: funzione digestiva.

Ingredienti:

Estratto acquoso di erbe amare 70%: Ginepro (Juniperus com- munis L.) galbuli, Acetosella (Oxalis acetosella L.) foglia, Aneto (Anethum graveolens L.) frutto, Finocchio (Foeniculum vulgare Miller) frutto, Genziana (Gentiana lutea L.) radice, Menta (Men- tha piperita L.) foglia, Anice (Pimpinella anisum L.) frutto, Bol- do (Peumus boldus Molina) foglia, Carciofo (Cynara scolymus L.) foglia, China (Cinchona succirubra Pav.) corteccia, Liquirizia (Glycyrrhiza glabra L.) radice, Camomilla romana (Anthemis no- bilis L.) fiore, Rabarbaro Cina rotondo (Rheum palmatum var. Tanguticum Max) rizoma, Rafano nero (Raphanus sativus L.var. niger Miller) radice, Ruta (Ruta graveolens L.) parte aerea. Acqua, aromi. Colorante: caramello semplice.

Consigli d’uso:

Per una bevanda coadiuvante diluire 1 misurino (1 misurino = 10 ml) in acqua fresca o tiepida dopo i pasti principali.

Controindicazioni:

Tenere lontano dalla portata dei bambini al di sotto dei 3 anni di età. Si sconsiglia l’utilizzo del prodotto in gravidanza e durante l’allattamento.

 

1385809_672416302789838_39459175_n (1)

Piante principali:

Finocchio: Funzione digestiva. Regolare motilità gastrointesti- nale ed eliminazione dei gas.
Anetolo > azione antispasmodica.
Menta: Funzione digestiva. Funzione epatica. Regolare moti- lità gastrointestinale ed eliminazione dei gas.

Olio essenziale > omeostasi del tratto gastrointestinale. Anice: Funzione digestiva. Regolare motilità gastrointestinale ed eliminazione dei gas.
Anetolo > attività spasmolitica, per il trattamento dei dolori addominali di origine dispeptica accompagnati da meteori- smo e flatulenza.

 

Composizione e quantitativo per dose consigliata:

Ginepro (1.3g), Acetosella (1.0g), Aneto (1.0g), Finocchio (1.0g), Genziana (1.0g), Menta (1.0g), Anice (0.9g), Boldo (0.9g), Carciofo (0.9g), China (0.9g), Liquirizia (0.9g), Camomilla romana (0.8g), Rabarbaro Cina rotondo (0.8g), Rafano nero (0.8g), Ruta (0.8g). Acqua, aromi e colorante (caramello semplice).

Descrizione piante:

l primo gruppo di piante agisce a livello epatico e gastrico. Il Boldo è originario del Cile e del Perù, appartiene alle Monimiaceae ed è un arbusto non più alto di 8 metri. La tradizione racconta che le proprietà terapeutiche del Boldo sono state scoperte dai pastori che notarono che le capre affette da disturbi epatici, tenute in recinti costruiti con rami di boldo fresco, dopo averlo mangiato guarivano. In effetti, molti secoli prima gli Indios la utilizzavano per disturbi epatici e di digestione a causa di atonie gastriche. Oggi questa attività è stata verificata da abbondanti studi. Il principio attivo al quale sono attribuite queste proprietà è la boldina. L’intera pianta è antispasmodica, coleretica, colagoga e aumenta le secrezioni gastriche. Dell’attività del Rabarbaro sono responsabili gli antrachinoni, i tannini e i flavonoidi. Consigliato sia come digestivo che come lassativo. Della China viene utilizzata la corteccia. Vari alcaloidi sono responsabili della secrezione cloropeptica dello stomaco per stimolazione delle terminazioni gustative del nervo glosso-faringeo e del tri- gemino situate sul palato e sulla lingua. Esiste una varietà che fino al primo dopo guerra era utilizzata come antimalarico e oggi risulta essere la fonte per l’isolamento di principi attivi antimalarici nella sintesi di farmaci dedicati. Il Carciofo appartiene alle Asteraceae. La sua attività si svolge per la presenza di derivati caffeici e flavonici (acido caffeico, acido clorogenico e cinaropicrina). L’azione è fondamentalmente di tipo depurativo epatico. Esistono due meccanismi d’a- zione distinti: aumento nella sintesi di acidi biliari e riduzione della sintesi del colesterolo endogeno. L’attività coleretica e colagoga fa del Carciofo uno stimolante della funzionalità epatica ineguagliabile. Della Genziana viene utilizzata la radice che ha una spiccata attività a livello gastrointestinale.

Il Rafano nero presenta un’attività mista: epatobiliare e diuretica. Sono caratteristici di questa radice dei composti solforati glucosinolati di cui il più importante è la glucobrassicina, tradizionalmente utilizzata per le proprietà aperitive, diuretiche, antisettiche e antitussive.

Il secondo gruppo di piante presenta azione carminativa e antinfiammatoria. Il Finocchio e l’Anice svolgono azione carminativa la quale favorisce le secrezioni gastriche e la motilità del sistema digestivo. Il principio attivo più rappre- sentativo del Finocchio è l’anetolo. Attivo nelle problematiche legate alla cattiva digestione di natura nervosa o ansiosa. Per questo può essere indicato per trattare meteorismi, aerofagie e spasmi gastrici. L’Anice è stato utilizzato per la prima volta dalla medicina tradizionale cinese. Anche in questa pianta troviamo l’anetolo. Altre proprietà interessanti si sono riscontrate nei confronti di cefalee, nausee e palpitazioni legate ai problemi gastrici. L’Aneto, la cui parte utilizzata è il frutto, ha come principi attivi i flavonoidi e l’olio essenziale composto prevalentemente da carvone e fellandrene. Il suo principale utilizzo è in preparati ad attività carminativa e antispasmodica intestinale. Tra i costituenti principali della Liquirizia si ricordano la glicirrizina ed i flavonoidi. I flavonoidi sono un’importante classe di molecole naturali caratte- rizzati dalle sottostrutture: flavonica, flavonolica, isoflavonica e flavononica con attività prevalentemente antiossidante e protettiva delle pareti cellulari. La glicirrizina e l’acido glicirretico hanno proprietà antinfiammatoria: tale attività è do- vuta all’inibizione degli enzimi che catalizzano la degradazione delle prostaglandine PGE e PGI. La Menta appartiene alla famiglia delle Lamiaceae. La frazione attiva è costituita dall’olio essenziale, ma vanno anche ricordati i flavonoidi, i carotenoidi e i triterpeni. La composizione dell’olio essenziale è ampiamente conosciuta, il costituente principale è il mentolo seguito dal mentone. La droga viene tradizionalmente impiegata per favorire l’omeostasi del tratto gastrointe- stinale e responsabile di questa azione è proprio il mentolo. L’Acetosella contiene acido ossalico, rumicina, flavonoidi. Viene usata per disturbi digestivi, disturbi del fegato e della bile, per chi presenta predisposizione alla formazione di calcoli. Presenta un elevato contenuto di vitamine. La Camomilla è una Asteracea molto diffusa in tutta Europa. L’at- tenzione su questa pianta è rivolta principalmente a due famiglie di composti chimici: l’olio essenziale ed i polifenoli. L’olio essenziale è di colore blu per la presenza di derivati azulenici tra cui il più rappresentativo è il camazulene. Le principali attività dell’estratto sono antinfiammatoria, spasmolitica, ma recenti studi hanno notato che il bisabololo ha un’ importante effetto protettivo in caso di ulcera gastrica dovuta a indometacina (FANS), alcool o stress. La Ruta è una pianta con azione antinfiammatoria e carminativa. Considerata fin dai tempi più antichi, una magica cura per ogni malanno, veniva utilizzata dalla medicina popolare in infusi molto diluiti, per calmare gli attacchi isterici, per favorire e rendere più facili e meno dolorosi i cicli mestruali, per lenire le coliche intestinali flatulenti. Le bacche di Ginepro si raccolgono da settembre a novembre e contengono vari terpeni (alfa e beta pinene, canfene, terpenolo), tannini conden- sati, zuccheri, resine. Si tratta di una pianta utilizzata principalmente per il tratto urinario. Le bacche hanno dimostrato azione antinfiammatoria.

etichetta-decottopia

 

Scrivi Recensione